1 agosto 2018

La Rassegna storica del Risorgimento

E' stato pubblicato l'ultimo numero della Rassegna storica del Risorgimento, anno CIV, fascicolo II, luglio-dicembre 2017.

Edito da Rubbettino, La Rassegna storica del Risorgimento si presenta con una nuova veste grafica.
Gli autori dell'ultimo numero: Antonio D'Alessandri, Giuseppe Clemente, Matteo Aiani, Francesco Sanna, Guido Pescosolido, Jean-Yves Frétigné, Mario Casella, Rudolf Dinu.

22 luglio 2018

Gli invisibili. Un libro sulla polizia e gli agenti segreti nell'Ottocento borbonico



Laura Di Fiore, ricercatrice in Storia delle istituzioni politiche presso l'Università Federico II di Napoli e socia di questo Comitato di Napoli dell'Istituto per la storia del Risorgimento italiano, pubblica un volume dedicato alla polizia politica e agli agenti segreti nell'Ottocento borbonico. Il volume, edito nella collana Clio-Saggi di scienze storiche, archeologiche e storico-artistiche dell'ateneo federiciano, apre uno spaccato sulla natura e i limiti del potere di polizia tra la Restaurazione e gli eventi del 1848.






19 luglio 2018

Testimoni del Risorgimento: invito alla lettura

"Testimoni del Risorgimento: invito alla lettura" è una nuova sezione del sito del Comitato di Napoli dell'Istituto per la storia del Risorgimento italiano, proposta e curata dal socio Cristiano Morucci. Un invito alla lettura delle testimonianze pubblicate da quanti, uomini e donne, hanno vissuto il Risorgimento italiano; un invito a ripercorrere vicende umane e accadimenti di quei decenni; un invito a riascoltare le voci di quel tempo, lasciando in silenzio il vociare recente di interpretazioni parziali e infondate.

Le "impressioni e ricordi" di Grazia Pierantoni Mancini


“Cesarina, la mia piccola sorella, è morta fra le mie braccia…Ho voluto lavarla…ricomporla io stessa: parve addormentata appena le ebbi chiusi per sempre i grandi occhi cerulei. I capelli finissimi le formavano attorno al visetto bianco una cornice di oro pallido…Mia madre già prima della fine era stata condotta altrove…: poverina, innanzi i trent’anni ha messo al mondo dieci figli e questa è la quarta bambina che le vien tolta dalla morte…”.

Cominciano così le memorie di Grazia Pierantoni Mancini (1841-1915), con il cuore, in punta di piedi. Inizia così il suo piacevolissimo diario, con il ricordo della sorellina di due anni, la cui morte lasciò una ferita insanabile nell’anima della scrittrice.
Prima figlia di Pasquale Stanislao Mancini e Laura Beatrice Oliva, Grazia, all’età di otto anni, si trasferì da Napoli a Torino, per raggiungere il papà, esule nella capitale piemontese a seguito delle persecuzioni della polizia borbonica dopo i moti rivoluzionari del ’48. Grazina, come la chiamava il padre, con un linguaggio semplice e accattivante ripercorre, in un intreccio ben congeniato di memorie storiche e ricordi autobiografici, le complesse vicende di uno dei decenni più affascinanti dell’Ottocento (1856 -1864).
Stanislao Mancini, che diventerà figura di spicco della politica italiana di fine secolo, all’epoca illustre professore di Diritto Internazionale, sempre pronto a combattere le battaglie per il sogno unitario, era in quegli anni una figura di riferimento per tutti gli esuli napoletani a Torino. Casa Mancini era così un vero e proprio luogo di ritrovo, di aggregazione: un salotto culturale e politico dove la scrittrice ebbe modo di conoscere e frequentare molti protagonisti del nostro Risorgimento. Uomini come Carlo Poerio, Silvio Spaventa e Luigi Settembrini, che per l’acerba poetessa rappresentavano “…eroi sconosciuti da romanzo, e li amavo e veneravo come si adorano i santi”.  A Torino Grazia frequentò l’Istituto femminile Elliot, dove ebbe la fortuna di conoscere e diventare allieva di Francesco De Sanctis, con cui mantenne anche un rapporto epistolare, dopo l’esilio forzato che costrinse il “suo” professore a Zurigo.
Un libro testimonianza quello della Mancini in cui, tra le pagine, è possibile respirare l’atmosfera di quel periodo e cogliere i sentimenti, le profonde emozioni che albergavano in chi ebbe la fortuna di vivere in quegli anni.  Uno spaccato di vita del nostro Risorgimento, in cui vicende famigliari e aneddoti storici si fondono con sorprendente armonia; una scrittura piacevolmente timida, da cui tuttavia traspare tutto l’orgoglio e la nostalgia dell’autrice per gli anni della sua giovinezza, ricchi di passione e di ideali, vissuti intensamente, con profonda partecipazione dalla scrittrice.
Grazia Pierantoni-Mancini, nello scrivere quest’opera, sembra abbia seguito i consigli del suo illustre professore:

“ …ho letto i tuoi versi, ….un’anima nobile scrive non per aver fama ed onori; scrive per dovere, per esercitare le sue facoltà; scrive per bisogno, per dare uscita alle sue forze rigogliose.”

Il libro uscì in prima edizione a puntate nella rivista “Nuova Antologia”, tra il febbraio e l’agosto del 1907, con il titolo “Giornale di una giovinetta”. L’opera andò poi alle stampe nella versione definitiva l’anno successivo (Milano, L.F. Cogliati, 1908); la ristampa è oggi acquistabile presso i principali online store.

Buona lettura. 
Cristiano Morucci.
 
 

22 maggio 2018

Rivoluzioni e controrivoluzioni d'Italia (1796-1870)


Un importante appuntamento promosso dall'Università degli studi di Salerno: "Rivoluzioni e controrivoluzioni d'Italia (1796-1870): Nuove ricerche di storia politica e culturale", un convegno organizzato per i giorni dal 22 al 24 maggio 2018.


Il convegno presenta alcune prospettive di ricerca di storia politica e storia culturale sull’Italia nell’età delle rivoluzioni e delle controrivoluzioni. Un terreno di studio che nelle ultime due decadi ha conosciuto un intenso rinnovamento, in seguito allo sviluppo di una nuova storiografia del Risorgimento. Lo scopo è aprire un dibattito disponibile al confronto comparativo anche in un’ottica transnazionale, sull’impianto della «nuova politica» nella penisola che esplori la costruzione dello spazio politico nazionale con le sue peculiarità e tensioni strutturanti nel corso del lungo Ottocento.

Il convegno presenta ricerche in corso su temi e assi di indagine rilevanti anche alla luce di un nuovo confronto generazionale: i processi di spettacolarizzazione della politica, la circolazione transnazionale di uomini e idee, la guerra e i conflitti civili, le vecchie e nuove monarchie. 
 
Scarica il programma